Vesuvio, il cratere è off limits e i turisti giocano a calcetto –


Cratere off limits da quattro giorni per lavori: i turisti arrivano fino in cima ma non possono visitare il Gran Cono. Improvvisano partite di pallone. Sono arrivati da ogni parte del mondo per visitare il Vesuvio e il suggestivo cratere, ma arrivati a quota mille hanno trovato un divieto perché il sentiero 5 (quello del cratere) è impraticabile da domenica scorsa a causa dei danni causati da nubifragio di sabato.
 

Per frane e smottamenti pericolosi per il transito, infatti, domenica mattina dopo i controlli della pulizia municipale l’Ente Parco ha disposto il divieto di accesso al sentiero e lo stop alle biglietterie. Lunedì mattina dovevano arrivare i mezzi per il ripristino, ma non c’è stato ancora alcun intervento così da quattro giorni pullman di turisti, pubblici e privati, arrivano fino a quota mille (al piazzale detto La Siesta) e rimangono a bocca asciutta. Il presidente dell’Ente Parco, Agostino Casillo, fa sapere che sono necessari lavori di manutenzione straordinaria per la sicurezza ma gli operatori turistici denunciano danni anche al commercio.
 

«Avvisiamo i turisti che il cratere è chiuso – dicono – ma loro vogliono comunque salire sul Vesuvio. Arrivati qui, poi, restano un po’ a guardare il panorama e poi tornano indietro con l’amaro in bocca». Questa mattina nello spiazzale a quota mille i turisti hanno improvvisato partite di calcetto. «Bello giocare con la palla – ha detto un turista tedesco – qui in alto. Però avremmo voluto vedere il cratere».


Mercoledì 10 Ottobre 2018, 17:12 – Ultimo aggiornamento: 10-10-2018 17:16
© RIPRODUZIONE RISERVATA



SITO UFFICIALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *