Supercoppa volley, Modena vince con brivido: 3-2 a Trento e Zaytsev alza la coppa in faccia a Perugia


Non ti fai un nome se non scontenti qualcuno. A Ivan Zaytsev capita ogni volta che cambia maglia. E a Perugia, nello stesso palazzetto dove cinque mesi fa aveva fatto vincere il primo scudetto della storia alla Sir, alza la Supercoppa con la casacca di Modena. Perugia l’ha lasciato andare via, lui alla prima occasione ha vinto di nuovo. Con un’altra squadra. «Sono sempre stato abituato o messo nelle condizioni di dover dimostrare quello che sono, quello che penso e quello che valgo. Li prendo come momenti di sfida. Oggi è stato uno di quelli». Parola di Zar.

La nuova Modena risorge dalle ceneri della cacciata di Stoytchev e dell’addio di Bruno e Ngapeth e nella prima sfida del campionato italiano 2018/2019 batte Trento 3-2 (25-23, 25-19, 16-25, 18-25, 15-8) portandosi a casa il primo trofeo della stagione. E’ totalmente rinnovata la squadra emiliana, a partire dalla panchina. Il ritorno di Julio Velasco basterebbe. Ma la regia affidata a Christenson (MVP della Supercoppa), l’arrivo di Bednorz, Anzani e Zaytsev e le conferme di Urnaut, Holt e Rossini completano l’opera. «Hanno vinto i giocatori – commenta a fine gara Velasco – io gli ho solo dato una spinta. Il cuore non basta quando le cose iniziano a mettersi male, bisogna avere testa. Vedete, la tecnica si può sempre migliorare ma la parte mentale è fondamentale. Complimenti comunque a Trento, che ha giocato benissimo».

Dopo aver battuto Civitanova in semifinale e sempre al tie-break, sul 2-0 Modena pensava di aver chiuso la pratica Trento (che a sua volta aveva avuto la meglio sui padroni di casa di Perugia). Invece la squadra di Lorenzetti, incisiva al servizio e trascinata da Russel, rimonta e pareggia i conti. Nel quinto set però non c’è storia, Modena torna a fare da padrone e alla fine Zaytsev chiuderà con 25 punti (top scorer) e il 63% di positività.

Terzo posto per Civitanova, che lascia a riposo Juantorena ma batte lo stesso Perugia per 3-1. Il derby cubano va alla Lube. Leon (e la Sir) ancora a secco di vittorie. Ma è solo l’inizio. Da domani si va in palestra per la prima settimana di lavoro. Il campionato di Superlega parte il prossimo fine settimana. E le stesse quattro squadre si contenderanno lo scudetto. Sorprese escluse.

7 ottobre 2018 (modifica il 7 ottobre 2018 | 22:11)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *