Pret a Manger, una nuova morte sospetta per allergia fulminante –


Una nuova morte sospetta per un cliente di Pret a Manger, catena di fast food del Regno Unito. Secondo le indagini della stessa azienda, il decesso di una donna di 42 anni, Celia Marsh, potrebbe essere avvenuto a causa di un’allergia fulminante per aver mangiato un sandwich con l’etichetta che non conteneva alcuni elementi essenziali.

Da quanto risulta dalle indagini, la donna aveva chiesto un panino “super vegetariano” e uno yogurt “privo di lattosio“. Ma probabilmente, lo yogurt conteneva alcune proteine di origine casearia che l’etichetta non aveva specificato. E adesso bisogna capire quanto sia responsabile la ditta produttrice di yogurt, la Coyo, e la Pret a Manger.

Per l’azienda di fast food i tratta di un duro colpo. La morte della cliente rappresenta infatti il possibile secondo caso di morte sospetta, dopo quello accertato della 15enne Natasha Ednan-Laperouse, che nel 2016 fu uccisa da una crisi allergica a causa della mancata segnalazione dei semi di sesamo in etichetta. In quel caso, la ditta si scusò imponendo un nuovo sistema di etichettatura. Ma potrebbe non essere servito.



SITO UFFICIALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *