«Paura in Puglia e Campania» Allerta tsunami nel Mar Adriatico –


Un violentissimo terremoto è stato avvertito alle 0.54 sulla costa occidentale del Peloponneso, in Grecia, 38 chilometri a sud dell’isola di Zante. L’istituto nazionale di vulcanologia ha rilevato una magnitudo di 6.8 a profondità di dieci chilometri. La scossa, molto forte, è stata avvertita anche nel meridione, e soprattutto nella Sicilia orientale, in Calabria e in Puglia. Segnalazioni sono giunte persino da Napoli,

Gravi danni risulterebbero sulla costa occidentale greca e sulle isole di Zante (Zacinto) e Cefalonia. Gente in strada sulle isole greche.

L’ALLERTA TSUNAMI 

«Per le coste di Calabria, Basilicata, Puglia, Sicilia (Ionio) l’allerta è arancio: possibili variazioni del livello del mare inferiori a 1 metro. Si consiglia di stare lontani da coste e spiagge». Questo l’alert dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia.

 

Migliaia di telefonate ai vigili del fuoco da Messina e Catania a Cosenza e Lecce. Sui social si parla di una scossa prolungata avvertita distintamente, Grande paura anche sull’isola di Malta.

 

La forte scossa di terremoto, di magnitudo 6.8, che ha colpito la costa occidentale della Grecia è stata avvertita in tutto il Sud Italia. Numerose le segnalazioni di cittadini che hanno avvertito il sisma, dalla Sicilia alla Basilicata, dalla Calabria alla Puglia e persino dalla Campania.


Venerdì 26 Ottobre 2018, 01:20 – Ultimo aggiornamento: 26-10-2018 06:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA





SITO UFFICIALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *