Londra prepara attacco cibernetico a Mosca per evitare l’arma nucleare


Un attacco informatico su vasta scala, tale da spegnere il Cremlino nel caso che Vladimir Putin lanci un’aggressione militare all’Occidente. Secondo la Difesa britannica questa l’unica strada per evitare l’uso di armi nucleari. A rivelarlo oggi il Sunday Times che parla di un clima di preoccupazione ai vertici della sicurezza perch ci sarebbe un deficit di capacit che ha lasciato i comandanti con troppe poche armi per contrastare un’aggressione del Cremlino.

Durante le esercitazioni risultata chiara la velocit con cui un confronto con Mosca potrebbe avvenire. Putin potrebbe ordinare alle sue truppe di invadere le piccole isole appartenenti all’Estonia per vedere se la Nato abbia intenzione di applicare alla lettera l’articolo 5 e di intervenire in Libia per accaparrarsi i pozzi di petrolio oltre che scatenare una nuova crisi migratoria in Europa.

Dopo una settimana di incontri top secret ad alto livello a Whitehall hanno concluso che l’arma cibernetica quella che garantirebbe al Regno Unito ma anche all’Europa di tenere a bada Mosca senza ricorrere al nucleare. La Russia sta cercando di minare la democrazia occidentale – ha detto la fonte al Sunday Times – non con una guerra convenzionale ma mettendoci alla prova, per esempio invadendo le isole estoni. Ma se abbattono un nostro aereo con siluro nucleare noi come risponderemo? Tra il colpire un loro sottomarino e usare la bomba nucleare non c’ una via di messo per questo spegnere le luci del Cremlino la nostra strategia migliore.

7 ottobre 2018 (modifica il 7 ottobre 2018 | 11:02)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/esteri.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *