Landis torna nel ciclismo grazie ai soldi della cannabis e di Armstrong


Che personaggio Floyd Landis. A 43 anni, questo timidissimo figlio di mormoni della Virginia che vinse il Tour de France nel 2006 e lo perse a tavolino pochi mesi dopo per doping (testosterone), non smette di stupire. Dopo aver scontato la pena, essere tornato a pedalare senza troppa gloria, aver scritto un paio di libri di successo, aver preparato una riconversione in coltivatore di cannabis a scopo terapeutico, Floyd ha deciso di perseguire un nuovo sogno: diventare proprietario di un team ciclistico di livello Continental (il primo stadio del professionismo) negli Stati Uniti per rilanciare un movimento che Oltreoceno in crisi nera proprio per gli scandali del doping degli ultimi anni.

La causa vinta contro l’ex compagno di squadra

E per finanziare il sogno (serviranno circa 750 mila dollari) Landis user parte dei cinque milioni di euro ricevuti da Lance Armstrong, suo antico capitano e compagno di doping alla Us Postal, con cui ha vinto una causa extragiudiziale. Il nome del team corrisponde a quello della societ di Landis: Floyd’s Of Leadville. Un pizzico di pubblicit al commercio di cannabis, prodotta e venduta per alleviare il dolore (anche degli atleti, specifica Landis) benvenuta. Ora bisogner capire se, visto il passato controverso, anche il ritorno di Floyd al ciclismo attivo sar accolto con gioia.

5 ottobre 2018 (modifica il 5 ottobre 2018 | 12:15)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *