La tettonica delle zolle confermata da un piccolo scarabeo


Era il 2016 quando Shuhei Yamamoto riuscì a ottenere un pezzo di ambra birmana – grande non più di un centesimo – proveniente dalla valle di Hukawng, nel nord del Myanmar – vicino al confine con la Cina. Osservando quel piccolo reperto aveva intuito che custodiva al suo interno un insetto di una specie nuova, di non più di 3 millimetri di grandezza, e che forse quella piccola creatura avrebbe aiutato a capire perché il Pianeta dei nostri giorni ha l’aspetto che ha.

 

Dopo avere preparato e tagliato l’ambra, Yamamoto ha potuto studiare da vicino e al microscopio l’ospite, che ha confermato essere di una nuova specie: uno scarabeo vissuto 99 milioni di anni fa, lontano parente di alcuni insetti che oggi vivono sotto la corteccia degli alberi.

Parenti sudamericani. Spiega Yamamoto, ricercatore al Field Museum e autore principale di un articolo apparso sul Journal of Systematic Palaeontology, che «questo scarabeo fossile è uno dei membri più antichi della sua famiglia».

Il suo nome, Propiestus archaicus, vuole indicare che è fortemente imparentato con antichi coleotteri che vissero dove oggi si trova il Sud America. Mentre i dinosauri imperversavano sulla Terra, il piccolo scarafaggio era impegnato a conquistare micromondi sotto la corteccia di alberi in putrefazione.

 


La goccia d’ambra con all’interno il piccolo scarabeo che ha permesso di confermare la validità della teoria della Tettonica delle zolle. | Journal of Systematic Paleontology

Il Propiestus è solo uno di molte migliaia di inclusioni fossili rinvenute nell’ambra birmana, da 15 anni oggetto di importanti studi da parte degli scienziati. L’ambra altro non è che resina colata da alberi e indurita all’aria, a volta inglobando piccoli insetti – preservandoli con tutte le loro peculiari caratteristiche e garantendo loro l’eternità.

 

Una conferma. «Nonostante l’età, lo scarabeo si è infatti conservato molto bene. Si possono osservare con precisione le antenne, che probabilmente erano un organo sensoriale altamente sensibile.

 

Lo dimostra la presenza di sottilissimi peli attaccati perpendicolarmente alle antenne: organi che presumibilmente davano loro un’elevata capacità di percepire il mondo», spiega Yamamoto.

 

Il fatto che i parenti più prossimi di questo animale oggi si trovino in Sud America, dall’altra parte del pianeta rispetto al Myanmar, non deve stupire: la scoperta è una ulteriore conferma della teoria che un tempo le due aree del pianeta erano molto vicine tra loro, fuse insieme come parte del mega-continente Gondwana, che successivamente andrà a formare il Pangea. In quel minuscolo insetto c’è insomma la conferma alla teoria della tettonica delle zolle.

 


https://www.focus.it/rss/scienza.rss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *