«Ischia, 700 famiglie ancora sfollate» –


«L’evento sismico che ha colpito i comuni di Casamicciola Terme, Forio e Lacco Ameno dell’isola di Ischia il 21 agosto 2017 pur nella ridotta estensione territoriale del fenomeno, ha causato ingenti danni al patrimonio pubblico e in particolar modo a quello privato e produttivo». Così Carlo Schilardi, commissario straordinario per la Ricostruzione dei territori dell’Isola di Ischia colpiti dal terremoto il 21 agosto 2017, ascoltato oggi in commissione Ambiente territorio e lavori pubblici alla Camera dei deputati.

«Risultano essere evase le 2.500 istanze di sopralluogo presentate dai cittadini dei comuni di Casamicciola Terme, Forio e Lacco Ameno che hanno determinato un totale di 1666 sopralluoghi, – ha continuato Schilardi – con 502 immobili dichiarati agibili, 640 dichiarati totalmente inagibili, 340 dichiarati temporaneamente e/o parzialmente inagibili, 80 inagibili per solo rischio esterno. I nuclei familiari ancora sfollati sono 694 nel comune di Casamicciola Terme, 223 nel comune di Lacco Ameno e 20 nel comune di Forio». 

«Nei comuni di Casamicciola Terme e Lacco Ameno ci sono aree individuate come zone rosse che comprendono patrimonio edilizio interessato da una con danni gravissimi e completamente inibite. Per tali aree è assicurato il presidio mediante personale militare coordinato dalla prefettura di Napoli. – ha sottolineato Schilardi – Sono stati approvati 19 interventi urgenti, riferiti in particolare al ripristino delle infrastrutture viarie delle amministrazioni interessate, per i quali la città metropolitana di Napoli e i comuni di Casamicciola Terme, Forio e Lacco Ameno sono stati individuati soggetti attuatori. La somma complessivamente appostata è di 5.896,443 euro. Sono state avviare le procedure per 8 di questi interventi urgenti per complessivi 3.248.664 euro».

Schilardi ha poi illustrato la questione delle pratiche di condono edilizie delle quali non ha «una precisa conoscenza di quali e quante siano le pratiche di condono collegate agli edifici danneggiati o distrutti dal sisma e che il perfezionamento dell’istruttoria con conseguente rilascio del titolo abilitativo in sanatoria, risulta essere molto oneroso per il richiedente». «La concessione di contributi per la riparazione e ricostruzione degli immobili privati danneggiati, – ha spiegato – è subordinata alla definizione delle singole istanze di condono, adempimento che si presenta non privo di difficoltà soprattutto tenendo conto della situazione strutturale dei Comuni interessati e di Casamicciola in particolare, nella cui giurisdizione insistono buona parte degli edifici inagibili e sgomberati. La questione – ha concluso Schilardi – è in via di approfondimento e sono fissati appositi incontri con la Regione, con la sovrintendenza della città metropolitana e il segretario regionale e con i sindaci dei Comuni interessati».

(Giz/AdnKronos)


Lunedì 8 Ottobre 2018, 17:22 – Ultimo aggiornamento: 08-10-2018 17:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA



SITO UFFICIALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *