Il premio Sakharov al regista ucraino Oleg Sentsov


Il premio Sakharov per il 2018 sar assegnato al regista ucraino dissidente, Oleg Sentsov. Lo ha annunciato in aula a Strasburgo durante la seduta plenaria, il presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani. Gli altri candidati finalisti erano le Organizzazioni non governative che tutelano i diritti umani e salvano la vita dei migranti attraverso il Mar Mediterraneo e l’attivista politico marocchino, Nasser Zefzafi. Il premio gli stato assegnato per il suo coraggio e la sua determinazione – ha spiegato Tajani-. Il cineasta ucraino diventato il simbolo per la lotta ai prigionieri politici in Russia e nel mondo. Il Parlamento esprime la sua solidariet alla sua causa, chiediamo che sia immediatamente liberato.

In seguito all’annessione russa della Crimea, Sentsov, 42 anni, stato arrestato e condannato dalla corte russa a 20 anni di prigione, con l’accusa di aver complottato con atti di terrorismo. Il 14 maggio 2018 inizia uno sciopero della fame a tempo indeterminato per protestare contro la detenzione di 65 prigionieri politici ucraini in Russia, chiedendo la loro liberazione. Sentsov rinchiuso nel carcere di massima sicurezza “Orso Bianco” di Labytnangi, nell’estremo nord della Russia. Il premio verr presentato e consegnato idealmente durante una cerimonia che si terr a Strasburgo il 12 dicembre.

25 ottobre 2018 (modifica il 25 ottobre 2018 | 12:24)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/esteri.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *