Il piano del Real Madrid di Florentino: Mourinho dopo Solari


La squadra non lo ama e i giornalisti sono perplessi. Santiago Solari si seduto sulla panchina pi ambita e al tempo stesso pericolosa del calcio moderno. Il Madrid, per volere di Florentino Perez, riparte dall’ex ala dell’Inter, figlio della Casa blanca, allenatore del Castilla, promosso ad interim. Per le prossime due settimane, secondo regolamento, ha la possibilit di convincere il depresso ambiente del Real a concedergli una chance. Nel frattempo il presidente si guarder intorno dopo il mancato accordo con Conte. Ma, paradossalmente, non facile. Il Madrid oggi viene considerato una trappola pi che un’opportunit. Secondo As anche Miki Laudrup, ex stella della Juve e dello stesso Real, avrebbe risposto picche, non convinto dalle cose che hanno indotto lo stesso Conte a frenare: il progetto, le prospettive, una squadra svuotata dopo tre Champions consecutive. In gioco resta un altro c.t., come lo era Lopetegui, lo spagnolo Roberto Martinez, tecnico del Belgio.

Ma il sogno di Florentino un vecchio amore, mai dimenticato: Jos Mourinho. Difficile prenderlo adesso, ma a giugno l’operazione possibile. Il rapporto tra Mou e il Manchester United ai minimi termini e pu concludersi da un momento all’altro, pi probabilmente alla fine della stagione. In questo ballo frenetico di panchine ha un ruolo importante Conte, che il 9 novembre discuter la causa da 11 milioni di euro con il Chelsea. Solo dopo l’ex juventino si sentir veramente libero di guardare avanti. Al Madrid ci sarebbe andato, ma alle sue condizioni. E Florentino le condizioni vuole dettarle, non farsele imporre.

Cos Solari ha l’occasione della vita, come era capitato a Zidane dopo l’esonero di Ancelotti. Lasciamo stare Zizou nella sua eterna grandezza, si schernito il nuovo inquilino di Valdebebas. L’approccio con il nuovo ambiente stato traumatico. Solari stato columnist del Pas, ma una volta sulla panchina dei Blancos non ha fatto giri di parole: Servono dos cojones. Non ha parlato di tattica, n di moduli e neppure della manita rimediata al Camp Nou. Questo un gruppo di campioni e di guerrieri che nei momenti delicati sa tirare fuori il carattere. Dovr farlo mercoled a Melilla per la Coppa del Re, soprattutto nel week end con il Valladolid, che nella Liga precede i Blancos di due punti.

Comincia la nuova partita del Real. Soprattutto quella a scadenza di Santiago. Ha due settimane di tempo per prendersi la squadra, convincere gli scettici, fornire l’assist a Florentino: Solari sino a giugno e poi Mou.

30 ottobre 2018 (modifica il 30 ottobre 2018 | 22:24)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *