Il legale di Trump: ho mentito su Mosca E Donald cancella l’incontro con Putin


Al momento il summit tra Donald Trump e Vladimir Putin cancellato. Fa fede l’ultimo tweet del presidente americano, scritto alle 13.34 di ieri, mentre volava sull’Air Force One da Washington a Buenos Aires: Visto che le navi e i marinai non sono stati restituiti all’Ucraina dalla Russia, ho deciso che sarebbe meglio per tutte le parti coinvolte di cancellare il mio incontro previsto in Argentina con il presidente Vladimir Putin. Mi auguro che avremo un summit significativo, non appena la situazione si sar risolta.

L’imbarazzo di Donald Prima di imbarcarsi sull’aereo, per, Trump aveva annunciato ai cronisti che il bilaterale con Putin ci sarebbe stato. I russi hanno reagito con il gelido sarcasmo di Dmitry Peskov, il portavoce del Cremlino: Non abbiamo neanche ricevuto una comunicazione ufficiale. Comunque se cos il presidente Putin avr qualche ora in pi per altri colloqui importanti a margine del G20. Negli ultimi giorni Trump ha oscillato. La prima reazione istintiva era stata di circoscrivere e minimizzare l’incidente tra russi e ucraini al largo della Crimea. Un po’ come ha fatto con il rapporto della Cia che chiama in causa il principe ereditario Mohammed Bin Salman in quanto mandante dell’omicidio del giornalista Jamal Khashoggi. E come accaduto per il dossier saudita, anche sulla Russia Trump non ha avuto l’appoggio dei ministri pi influenti del suo governo, n del Congresso, per non parlare dei principali alleati europei. Certo, manca la controprova. Ma forse il presidente sarebbe andato avanti comunque se di prima mattina non fossero arrivate notizie imbarazzanti dalla Corte del Southern district di New York.

Le verit del fixer Il suo ormai ex avvocato personale, il cinquantaduenne Michael Cohen, si presentato a sorpresa davanti ai giudici e ha ammesso di aver mentito sulla Trump Tower a Mosca. Lo ha smascherato il super procuratore Robert Mueller, nel quadro dell’inchiesta sul Russiagate, l’ipotesi di collusione tra il clan Trump e il Cremlino per danneggiare la candidatura di Hillary Clinton nel 2016. Il 28 agosto 2017 Cohen invi una lettera alla Commissione Intelligence della Camera che pochi giorni dopo lo convoc in audizione. Nel documento, diffuso ieri dall’ufficio di Mueller, si legge che la proposta di costruire una torre-albergo a Mosca fu allo studio della societ (cio la Trump Organization, ndr) dal settembre 2015 al gennaio 2016. Dopodich, Cohen decise di abbandonare il progetto perch non fattibile. In realt gli inquirenti hanno scoperto che l’ex legale di Trump coltiv rapporti politici con i russi almeno fino al giugno 2016, quando il candidato repubblicano era ormai il favorito per la nomination.

Tra affari e politica Ieri il leader della Casa Bianca ha stroncato l’uomo che stato il suo fiduciario per dieci anni e che si occupato anche di sistemare le sue avventure sessuali, pagando, per esempio, la pornostar Stormy Daniels per il suo silenzio. un debole, un bugiardo — ha detto Trump —. Mente perch spera di avere una pena pi bassa. Fui io a decidere di bloccare l’affare della torre, perch ero in corsa nelle primarie. Anche se non ci sarebbe stato nulla di male a realizzarla. Secondo le ricostruzioni di molti giornali americani, i consiglieri pi stretti avrebbero convinto Trump che incontrare Putin in questo momento sarebbe stato rischioso. Il presidente troppo esposto, troppo vulnerabile sulla Russia. Anche se quello che accade ormai da quasi due anni.

29 novembre 2018 (modifica il 29 novembre 2018 | 22:58)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/esteri.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *