il Comune precetta i lavoratori –


«Uso distorto della prerogativa sindacale
dell’assemblea», con «massimo disagio per
l’utenza». In altre parole: in quei giorni è
prevista una enorme concentrazione di cittadini nei cimiteri e quel
periodo è troppo delicato perché i dipendenti si
fermino. Con questa motivazione il Comune di Napoli ha invocato
l’annullamento delle assemblee indette dai sindacati CSA RAl
e CISL FP per i lavoratori del settore cimiteriale per i giorni
dall’1 al 4 novembre, spostandole al 5 novembre. Una
decisione che però non è stata accolta dai sindacati,
che sono disposti alla revoca ma solo a patto che si raggiunga un
accordo durante l’incontro con l’Amministrazione
comunale il 31 ottobre. In caso contrario, incroceranno le braccia:
durante i giorni dell’assemblea si limiteranno soltanto
all’apertura e alla chiusura dei cancelli. 

CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO:

  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet

SCOPRI LA PROMO

Se sei già un cliente accedi con le tue credenziali:



Sabato 27 Ottobre 2018, 22:58
© RIPRODUZIONE RISERVATA



SITO UFFICIALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *