I sogni aiutano a risolvere i problemi.


Sognare ci aiuta a risolvere i problemi. Lo hanno dimostrato all’Università della California, a San Diego, con un test di creatività: il Remote Associates Test. Funziona così: vengono presentate tre parole (ad esempio: cadente, attore e polvere) e bisogna trovarne una quarta che si abbini a tutte e tre (in questo caso potrebbe essere stella).

 


sogni, Focus D&R 54

Questa risposta è tratta da Focus D&R n. 54 (ottobre 2017). Se cerchi altre domande e risposte curiose puoi acquistare su Zinio anche i numeri arretrati di Focus D&R. | Focus

Test di creatività. Il test è stato somministrato allo stesso gruppo di persone per due volte nell’arco di una giornata, ma, tra una prova e l’altra, alcune dovevano restare sveglie mentre alle altre era chiesto di fare un pisolino.

 

In tal modo, si è visto che dopo aver dormito la performance migliorava del 40%, se veniva raggiunta la fase del sonno REM, quella in cui si sogna: i sogni creano infatti nuove connessioni cerebrali che rielaborano le informazioni, così nascono nuove idee e si trovano soluzioni.

 

Dormiamoci su! Invece, all’Università di Berkeley (California), si è osservato, con la risonanza magnetica funzionale, che rivedendo immagini a forte impatto emotivo dopo aver sognato, l’area del cervello che controlla le emozioni (l’amigdala) è meno reattiva. Significa che i sogni “smorzano” l’intensità emotiva degli eventi: i ricordi che affiorano nel sogno diventano più neutri e così è più facile superare le esperienze negative.

 

 


https://www.focus.it/rss/comportamento.rss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *