Genova, il giudice riapre la strada sotto il moncone del ponte Morandi –


Via 30 Giugno, la strada sotto ponte Morandi, può riaprire con una strettoia. Lo ha deciso il gip Angela Nutini che ha accolto la richiesta del commissario per l’emergenza e presidente della regione Giovanni Toti. Il giudice ha stabilito dunque che la strada, delimitando la zona dove ci sono i reperti, potrà riaprire.

LEGGI ANCHE Ponte di Genova, cambia il decreto: sì alle grandi imprese

«In attesa del nuovo ponte abbiamo aperto le linee ferroviarie, stiamo cerando delle vie alternative e crediamo che la normalità possa tornare almeno alla fine di marzo dell’anno prossimo». Lo ha detto il vice ministro dei Trasporti Edoardo Rixi parlando con i giornalisti a margine dei lavori del quarto forum di Conftrasporti a Cernobbio con riferimento al trasporto merci dal porto di Genova.

 

«Per quanto riguarda il traffico dell’autotrasporto che transita per la Francia dall’Italia centrale e meridionale – ha detto – è certamente quello che avrà ancora i maggior danni. Si sta cercando di utilizzare dei sistemi alternativi, si sta quantificando il danno anche sulla conversione in legge del decreto Genova». «Ovviamente – ha aggiunto – saranno messe a disposizione nuove risorse per l’autotrasporto nel 2109. Per noi è fondamentale in questo momento non aspettare i tempi della ricostruzione del ponte, un anno sembra poco ma è tantissimo» per le aziende coinvolte.


Martedì 9 Ottobre 2018, 13:14 – Ultimo aggiornamento: 09-10-2018 17:52
© RIPRODUZIONE RISERVATA



SITO UFFICIALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *