“Coperti alti dirigenti, tra cui l’ideatore di Android” –


San Francisco – Google rende noto di avere licenziato 48 dipendenti, tra cui 13 dirigenti, per presunte molestie sessuali avvenute negli ultimi due anni. Lo rende noto la Bbc, che cita una lettera dell’amministratore delegato, Sundar Pichai, che annuncia “una linea sempre più dura” sui comportamenti inappropriati.

La lettera fa seguito ad un articolo del ‘New York Times’, secondo cui Andy Rubin, creatore del software mobile Android, avrebbe ricevuto una buonuscita di 90 milioni di dollari, nonostante le accuse di condotta inappropriata. Sam Singer, portavoce di Rubin, ha respinto in una dichiarazione le accuse contro di lui, dicendo che Rubin lasciò Google per propria volontà per lanciare la società di capitali e incubatore tecnologico Playground.

Il Nyt ha citato documenti di tribunale e interviste nel dare la notizia che Rubin sarebbe stato uno dei tre alti dirigenti che Google ha coperto nel decennio scorso dalle accuse di comportamento sessuale inappropriato. Ha citato due dirigenti di Google anonimi, secondo cui l’allora ad Larry Page chiese le dimissioni di Rubin dopo che la compagnia confermò una denuncia di una donna su un rapporto sessuale in un albergo nel 2013. L’indagine di Google rilevò che la denuncia della donna era credibile, secondo il Nyt.

A Wall Street il titolo ha risentito delle voci sullo scandalo registrando un calo in apertura.

Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica



SITO UFFICIALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *