Caso Kashoggi, l’opposizione chiede al governo di togliere la Supercoppa italiana all’Arabia Saudita


Il caso Kashoggi, la vicenda del giornalista saudita ucciso da uomini dei servizi segreti di Riad all’interno del consolato saudita ad Istanbul rischia di provocare problemi anche sul piano sportivo. Mentre il presidente francese Macron parla della necessità di sanzioni all’Arabia Saudita a livello europeo e la Germania blocca la vendita di armi a Riad, in Italia c’è chi si interroga sull’opportunità di far svolgere la prossima Supercoppa Italiana nel Regno, precisamente a Gedda il 13 gennaio 2019. Un diritto acquistato dall’Arabia Saudita dietro l’esborso di circa 20 milioni di euro in cambio della possibilità di ospitare 3 delle prossime 5 finali.

Opposizione

«La terrificante notizia della morte orrenda del giornalista Khashoggi lascia attoniti. La comunità civile internazionale deve far sentire la propria voce, a tutti i livelli. Credo che anche il mondo dello sport italiano non possa e non debba tirarsi indietro: va immediatamente bloccata la decisione di giocare la finale di Supercoppa italiana a Riad» sostiene l’ex ministro dello Sport Luca Lotti (Pd) su Facebook. «È comprensibile immaginare l’interesse economico attorno a quella partita di calcio – sottolinea -, ma ciò che è accaduto nel consolato dell’Arabia Saudita di Istanbul non può passare sotto silenzio. Come parlamentare, come ex ministro per lo Sport e come cittadino italiano rivolgo un appello accorato alla Lega Calcio affinché riconsideri la decisione di giocare il match Juventus-Milan in Arabia Saudita e invito il governo a fare ogni sforzo possibile per evitare che il calcio italiano scriva una pagina di rifiuto nella difesa dei valori e dei diritti».

Ong

Una richiesta, quella di Lotti, fatta propria anche da altri esponenti dell’opposizione, ma sulla quale il governo e la Lega Calcio non si sono ancora pronunciati. Anche Diverse ong, tra cui Amnesty International, hanno invitato Juventus e Milan a non giocare a gennaio in Arabia Saudita.

Riad vuole lo United

Intanto nel tentativo di cercare di dare dell’Arabia Saudita un’immagine migliore , il principe ereditario Mohammed Bin Salman avrebbe fatto un’offerta pari a 4,5 miliardi di euro per acquistare il Manchester United dalla famiglia americana Glazer. Un’offerta stratosferica se si pensa che la società inglese è valutata circa 3,2 miliardi di euro e fu acquistata nel 2005 per «soli» 790 milioni. Tuttavia al momento le trattative sarebbero ferme proprio per il caso Kashoggi, che pesa come un macigno sulle relazioni tra l’Arabia Saudita e il resto del mondo.

27 ottobre 2018 (modifica il 27 ottobre 2018 | 10:42)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *