Atterraggio di emergenza per la Soyuz MS-10



(Notizia in aggiornamento) – La Soyuz MS-10 lanciata stamattina dal Cosmodromo di Baikonur ha avuto un problema a un booster e ha dovuto effettuare un atterraggio di emergenza, che sembrerebbe andato a buon fine. Il malfunzionamento del quale non è ancora ben chiara la natura si è manifestato pochi minuti dopo il lancio alle 10:40 ora italiana: la capsula si è staccata dal vettore e ha poi cominciato un rientro balistico verso terra. Alcune agenzie di stampa hanno riportato di aver visto l’apertura dei paracadute e, poco dopo, la capsula atterrata. La diretta televisiva russa è stata interrotta, come avviene di solito in circostanze come questa.

 

 

Gli astronauti stanno bene. La Nasa ha confermato i due astronauti all’interno della Soyuz, l’americano Nick Hague e il russo Alexey Ovchinin, sarebbero in buone condizioni e sono in contatto con le squadre di soccorso, che impiegheranno circa 90 minuti per raggiungere il luogo dell’impatto. Gli astronauti della ISS sono ben addestrati per emergenze di questo tipo. La traiettoria di rientro è più “diretta”, con un angolo meno ampio, e li sottopone a una violenta decelerazione in fase di discesa, ma è uno scenario che viene simulato apposta durante l’addestramento.




https://www.focus.it/rss/scienza.rss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *