ugg outlet online italia nel 2012 fatturato a 36

ugg plumdale nel 2012 fatturato a 36

Quando una persona vede la scarpa finita non può immaginare per quante mani è passata, quanto lavoro è servito, quanti controlli sono stati fatti. Abbinare le nuove tecnologie alla tradizione artigianale: è questa la filosofia di Frau, storico calzaturificio di San Giovanni Ilarione, che si accinge a sbarcare in Australia. Un primo passo, cauto considerati i tempi, reso possibile grazie un contratto di distribuzione appena firmato per il nuovo continente, che apre la porta su un mercato con grandi potenzialità. Ma questa non è l’unica novità di Frau, azienda a guida oggi completamente femminile: a prendere in mano le redini dell’attività sono state la presidente Gabriella d’Arcano e l’amministratore delegato Francesca Ferro, rispettivamente figlia e moglie del fondatore del calzaturificio Renzo d’Arcano, tutt’ora molto presente in azienda. La nostra intenzione è quella di portare avanti i principi che da sempre hanno guidato l’attività di Frau, a cominciare dalla valorizzazione del made in Italy e dalla tutela della qualità del prodotto, spiega l’amministratore delegato, Francesca Ferro. Nel contempo continuiamo a investire molto sulle nuove tecnologie, che ottimizzano le lavorazioni consentendoci di proporre articoli ad alto comfort ed eco friendly. DUE SEDI E 211 DIPENDENTI. Frau conta attualmente 211 dipendenti, distribuiti nelle due sedi di San Giovanni Ilarione e Montecchia di Crosara, con un’alta percentuale femminile e diversi contratti part time. Proprio per puntare sulla qualità abbiamo deciso di mantenere la produzione in Italia, prosegue la presidente di Frau, Gabriella d’Arcano. Il rapporto con le maestranze, altamente qualificate e con grande esperienza, è una delle chiavi del successo dell’azienda. Inoltre, continuiamo ad avvalerci del supporto di diverse giunterie e trancerie che sono della zona. Ogni giorno escono dai due stabilimenti Frau 3.500 3.700 paia di scarpe per un numero complessivo di 900 mila paia all’anno. Gli articoli vengono poi distribuiti in quattro negozi monomarca, sette concessionari sempre monomarca, oltre a diversi corner e plurimarca per un totale di circa 1.200 punti vendita. Il 2012 si è chiuso con un volume d’affari di 36,5 milioni di euro, in calo del 10% rispetto al 2011: la crisi ha colpito il settore delle calzature in ritardo rispetto a quello dell’abbigliamento, spiega la d’Arcano, ma siamo fiduciosi, perché dopo tre stagioni in calo per la prossima stagione invernale abbiamo venduto lo stesso numero di paia del 2012: un risultato eccezionale, considerato il momento che l’Italia sta attraversando. Il mercato nazionale rappresenta per Frau la quasi totalità del fatturato: solo il 10% del giro d’affari viene dall’estero e, in particolare, da Spagna, Grecia, Turchia e Svizzera. NUOVI PAESI NEL MIRINO. La percentuale di export è in crescita e stiamo puntando anche su nuovi Paesi: abbiamo appena siglato, infatti, un contratto di distribuzione con l’Australia, prosegue la presidente d’Arcano. Inoltre, a dispetto della crisi che ha fatto chiudere diversi punti vendita, la presenza di Frau nei negozi multimarca è in aumento anche in Italia, perché abbiamo acquisito nuovi clienti e riteniamo che ci sia ancora spazio per noi, in virtù del percorso che ha fatto il marchio, da sempre posizionato nella fascia medio alta del mercato. E in vista della prossima stagione invernale l’azienda sta preparando il debutto nel mondo degli accessori. Il core business resteranno sempre le scarpe, precisano infine la Ferro e la d’Arcano, ma ritenevamo opportuno completare le nostre collezioni con una linea di borse, cinture e portafogli uomo donna per diverse occasioni d’uso e coerenti con il resto della produzione.
ugg outlet online italia nel 2012 fatturato a 36