ugg maddison nel procreare ed educare i figli

ugg australia zalando nel procreare ed educare i figli

L’argomento più ripetuto in favore del matrimonio fra persone dello stesso sesso è da sempre quello basatosull lo ha ripetuto anche Barak Obamaper il suo secondo e ultimo discorso inaugurale alla Casa Bianca.

Secondo i teorici di tale tesi, il matrimonio è un’istituzione pubblica dalla quale le coppie dello stesso sesso sono ingiustamente escluse, tanto che si sprecano imbarazzanti paragoni con il razzismo subito in passato dai neri o dagli ebrei (avversione ai matrimoni interrazziali, ecc.). Creare un diritto al matrimonio fra persone dello stesso sesso, si sostiene, non altera per nulla l’istituzione stessa ma fornisce semplicemente eguale accesso a una classe di persone precedentemente escluse. La tesi scorre liscia e trova facilmente plausi tra i più impreparati e tra gli amanti di slogan di facile ascolto. Con quale criterio, ci siamo domandati più volte, equiparare al matrimonio naturale le relazioni omosessuali e non quelle incestuose o poligamiche (con quale criterio, si potrebbe ancora chiedere, limitare il matrimonio a due persone?), o anche quelle basate su semplici sentimenti di amicizia e co abitazione? Se la teoria dell è efficace dovrebbe valere per tutti, è evidente che se si vuole seguirla con coerenza, qualsiasi relazione dovrebbe essere equiparata al matrimonio tra uomo e donna, pena un discriminazione. E evidente, dunque, che ci sia qualcosa che non va in tale tesi.

A chiarire ulteriormente le cose arriva un saggio scritto a sei mani da Girgis Sherif, docente di filosofia presso la Princeton University, Robert George, del dipartimento di Scienze Politiche della stessa università, e da Ryan T. Il merito del volume è quello di smontare la tesi dell attraverso la riflessione su cosa sia davvero il matrimonio, la strada più convincente ed efficace da percorrere, secondo noi. Il libro nasce in seguito ad uno studio pubblicato sull Journal of Law Public Policy, in cui viene dimostrato come i revisionisti del matrimonio sbagliano perché fondono l sposati (il matrimonio) all partner, che è una categoria ovviamente più ampia. Un errore che non è stato compiuto dai grandi pensatori antichi, non influenzati dal giudaismo o dalla cristianità, come Aristotele, Platone, Socrate, Musonio Rufo, Senofane e Plutarco, i quali distinguevano anch’essi il legame coniugale da ogni altro.

Appellandosi alla legge naturale spiegano innanzitutto che la difesa del matrimonio non richiede l all religiosa. In seguito a ragionamenti dettagliati viene dunque mostrato e confermato che il matrimonio è il tipo di unione che ha il suo senso nella procreazione e l dei figli. Solo questo, concludono, può spiegare le sue caratteristiche essenziali, che lo rendono differente dalle altre relazioni.

Se uno si accorge di essere sterile dopo il matrimonio, non è colpa sua.

Ho letto che il più delle volte le cause di infertilità derivano dal maschio.

Una volta se dopo il matrimonio ci si accorgeva che l non è fertile, quella era la causa scatenante di separazioni.

Oggi, purtroppo, l è aumentata, e le condizioni economiche e lavorative ritardano l del matrimonio.

L è una grossa mina vagante per tutto le Stato, perché avere figli è un potente motore dell impone scelte durature, e spese che favoriscono oltremodo la circolazione del denaro e dunque le possibilità di lavoro di tante persone.

Una famiglia con figli assai difficilmente spende soldi in divertimenti più o meno leciti, di solito investe nell e tutti i settori artigianali che su di essa gravitano.

Poi i figli sono per lo Stato, un investimento nel futuro.

Infatti, i figli di oggi saranno i lavoratori del domani.

Noi, invece, ne saremo i pensionati.

Le pensioni che riceveremo sono esborso dello Stato non colmato dai nostri versamenti, ossia versiamo 5 e riceveremo 10, a meno che non si accorci la vita media restando in salute senza dover ricorrere ad ospedali e terapie e operazioni varie, altrimenti il bilancio torna drammaticamente svantaggioso per lo Stato.

In soldoni, le nostre pensioni saranno pagate dai lavoratori di domani, oggi i nostri figli, come noi adesso le paghiamo alla generazione che ci ha preceduto.

Oggi il rapporto lavoratori/pensionati è troppo basso, e tra venti trent come sarà? Drammatico! Più figli oggi = più possibilità domani.

Le nazioni con poca gioventù e tanta vecchiaia (pochi figli, tanti anziani soli) sono INEVITABILMENTE destinate a finire male.

Per fortuna abbiamo gli extracomunitari i quali, avendo alle spalle ancora un mondo figliano più di noi.

Dunque lo stile di vita moderno, quello propagandato oggi, quello di moda, E IL SUICIDIO DELLA SOCIETA

Un suicidio lento, una bomba a scoppio ritardato.

Proprio oggi stavo discutendo a proposito di figli/crisi, mi sembra che in parole semplici tu abbia spiegato come si può ripartire dall demografico per rilanciare l Ma non bisogna dare la colpa allo stile di vita moderno, o auspicare un ritorno alla vita di 50 anni fà, ma far progredire lo Stato sociale pari passo con il progredire della qualità di vita. Il grande assente, è lo Stato. Innanzi tutto mancano le strutture come nidi e asili, manca una reale politica economica che venga incontro ai genitori, anzi, si fà a gara per far sì che la genitorialità venga vissuta come un fardello, dove il welfare funziona vi è la crescita e realizzazione in pieno di tutti i soggetti compresi nel nucleo famigliare, quanto più c carenza di questo, o è presente uno squilibrio in cui un membro di questo nucleo è più sacrificato e sofferente rispetto agli altri (nella maggior parte la donna che deve rinunciare al lavoro con un impoverimento delle entrate complessive in termini economici, o costretta ad un super lavoro)oppure si ci arrende a priori e si evita di mettere al mondo dei figli.

Adesso sta circolando su Facebook una foto che ritrae un palco dove ci sono alcuni gerarchi nazisti ed un ragazzetto in primo piano, e quel ragazzetto si vorrebbe fosse Ratzinger a 16 anni.

Chiaramente è una balla, la foto risale al 1932, Ratzinger è nato nel 1927, dunque avrebbe dovuto avere 5 anni e non 16.

Il bello è che il commento alla foto dice che può pregare finchè vuole, ma sempre nazista resta.

Io mi stupisco di quanti gonzi ci siano in giro, per forza arriva un arruffapopolo, fa quattro rutti e due scge dal palco, e la gente va in orgasmo.

Va be Del resto anche Nerone dava al popolino quel che il popolino voleva: ludi gladiatores, e godi popolo!
ugg maddison nel procreare ed educare i figli