ugg cardy My Wonder Wall

ugg su zalando My Wonder Wall

Erano passati quattro giorni da quando me ne stavo chiusa in camera mia, uscivo raramente da l e mia madre continuava a chiedermi se andasse tutto bene sentendomi piangere in continuazione.

> dissi senza nessuna premessa e nessun giro di parole.

Forse era l unica persona che lo sapeva che mi aveva dato un abbraccio sincero e mi aveva fatta sentire protetta. Dopo tutto quella persona era mio fratello e non l avrei mai scambiato con nessuno.

> bussai alla porta della sua camera dove si era rinchiusa.

> andai vicino a lei e l abbracciai.

Chiarimmo tutto tra di noi e mi diede una mano a preparare le miriadi di valige che avrei dovuto portarmi.

Nel frattempo Laura sapendo della mia partenza organizz il battesimo della piccola Marta e fui la madrina, grazie a Dio non incontrai Dani per niente dato che mi dissero che era partito per un meta sconosciuta, serbavo tanta,
ugg cardy My Wonder Wall
tanta rabbia per lui se l avessi visto avrei potuto urlargli le peggio cose in faccia e fare una bella figura di mrda.

Era arrivato ormai il giorno della mia partenza e decisi di partire senza rancore, tenere solo le persone belle e care nella mia vita, di mandare al diavolo tutte le altre.

> mi sussurr all orecchio Sara. > le risposi abbracciandola.

> mi fece promettere che le avrei scritto sempre.

I miei genitori e i miei nonni mi stritolarono nell abbraccio.

> mi disse Laura che stava piangendo da quando era arrivata all aeroporto.

> scoppiai in un pianto con lei. >. Salutai Pedro con un bell abbraccio caloroso e mi raccomandai che si prendesse cura di Laura e Marta finch non sarei ritornata.

> chiesi retorica abbracciando Memy.

> disse ridendo tra le lacrime.

> disse Carmine guardando da un altra parte.

> gli risposi con un mezzo sorriso.

> mi abbracci forte e lo feci anche io, forse tra tutti era un di quelle persone che pi di tutti mi sarebbe mancata.

Guardai un ultima volta con la speranza l entrata dell aeroporto.

> mi chiese Ka. > dissi asciugandomi le lacrime con il dorso della mano.

Salutai generalmente l ultima volta tutti quanti e come ero tornata un anno fa,
ugg cardy My Wonder Wall
ora me ne stavo andando di nuovo.

Seduta sul posto d aero tirai fuori il mio I pod e la canzone che casualmente venne fuori fu Minuetto Mia Martini .